Coalizione Sociale

on .

Debutta oggi il movimento guidato da Maurizio Landini: «Via il Jobs Act, servono nuovi diritti». Libera, Arci, Emergency, Anpi, Articolo 21, Un'Altra Storia. La società civile si scommette di nuovo assieme al sindacato.

CIAO ANTONIO

on .

Se in questi anni abbiamo cominciato a sperare in un'Altra Storia e via via ci siamo convinti che fosse possibile, anche se spesso non andava come avremmo voluto; se molti sono tornati a pensare con la propria testa, mettendola in gioco per offrire anche agli altri, in cantieri volenterosi e produttivi, pensieri e azioni per il bene comune; se abbiamo scoperto che esistono i beni comuni e che il primo è la gratuità del proprio agire, assieme; se tutto ciò è accaduto nelle disperate terre di Sicilia molto lo dobbiamo al sorriso determinato di una signora minuta che si chiama Rita Borsellino e dell'orso buono che da sempre l'accompagna, Alfio Foti.
Ascoltatelo e poi pensateci.
Antonio Schilirò.

"Dal vuoto politico allo spazio politico". Insieme a Rita Borsellino ne parlano Maurizio Landini e Sergio Cofferati

on .

"Dal vuoto politico, allo spazio politico"
Venerdì 20 settembre 2013 alle ore 18.30 al Kursaal Kalhesa (Foro Umberto I) a Palermo si svolgerà l'iniziativa a cura di Un'altra Storia dal titolo "
Dal vuoto politico, allo spazio politico. Un’altra politica, un’altra democrazia, un’altra Europa". Ne discutono iniseme a Rita Borsellino,
Maurizio Landini, Seg. Gen. Fiom-Cgil e Sergio Cofferati, Eurodeputato Gruppo S&D.

Sfiducia a Barcellona PG: piena e totale solidarietà e vicinanza a maria Teresa Collica

on .

MARIATERESA COLLICA

Un’AltraStoria esprime la propria posizione di contrarietà verso il voto di sfiducia al Sindaco di Barcellona Pozzo di Gotto che si è registrato ieri nella città del messinese e comunica piena e totale solidarietà al Sindaco Maria Teresa Collica.

Una donna che ha saputo in questi anni di amministrazione, con coraggio, passione e amore civico portare nella propria città al centro del dibattito politico i temi della legalità, dell’antimafia reale e della trasparenza.

Il Sindaco di Barcellona ha la “colpa politica” di voler rispettare il proprio programma elettorale, la coalizione che l’ha portata alla vittoria e la cittadinanza. In questi anni forti e pesanti sono stati gli attacchi sia all’interno del Consiglio Comunale che all’esterno.

L’atto politico consumato ieri da parte dei consiglieri di Dr, parte del Pd, Udc e altri raccoglie 21 voti di sfiducia e palesa in tutta la sua evidenza la complementarietà in Sicilia tra un Centro-Sinistra sempre più lontano dai bisogni dai cittadini e una Destra affarista, uniti ancora una volta nel capovolgere la volontà popolare.

A Maria Teresa Collica a nome di tutti i circoli di Un’AltraStoria va il nostro appoggio totale e incondizionato e la richiesta di voler rinnovare il patto civico con i suoi concittadini contro i tentativi di trasformismo politico e della peggior restaurazione oggi in atto a Barcellona. Siamo disponibili ad essere al suo fianco e al fianco di tutti i barcellonesi onesti, a testa alta, durante la prossima campagna elettorale di primavera, per costruire, insieme, una forte coalizione sociale che abbia al centro i valori della solidarietà, dello sviluppo sostenibile, del risanamento amministrativo e della giustizia sociale.

                                               Alfio Foti                                                                                               Rita Borsellino

 

Rita Borsellino con Landini e Cofferati a Palermo: "Ripartiamo dalla Costituzione e dalla partecipazione"

on .

Ripartire dalla Costituzione per restituire dignità alla politica, attraverso un processo di partecipazione dal basso e la creazione di una rete di soggetti capaci di lavorare su obiettivi comuni. Lo chiedono i parlamentari del Pd Rita Borsellino e Sergio Cofferati, a Palermo nell'incontro con il leader della Fiom, Maurizio Landini, organizzato ieri a Palermo da Un' altra Storia, l'associazione presieduta da Rita Borsellino, nata dopo la sua candidatura alla presidenza della Regione siciliana.
“In un momento di grande vuoto politico, riprendiamoci lo spazio e ripartiamo da un processo di cambiamento che abbia nella partecipazione dei cittadini il metodo e la misura – ha detto l’europarlamentare Rita Borsellino - ripartiamo dall'attuazione dei principi costituzionali: il diritto al lavoro, alla dignità umana, alla salute, alla scuola, per attivare quel processo di cambiamento nella direzione di una democrazia di diritti e di giustizia sociale.

RITA BORSELLINO E UN’ALTRA STORIA ADERISCONO A ‘LA VIA MAESTRA’, 'MANIFESTO DELL'ASSEMBLEA PER LA COSTITUZIONE

on .

Il prossimo 20 settembre Rita Borsellino, Sergio Cofferati e Maurizio Landini insieme in “Dal vuoto politico, allo spazio politico” a Palermo

Rita Borsellino e il suo movimento Un’altra storia aderiscono a ‘La via maestra’ il documento firmato da Lorenza Carlassare, Don Luigi Ciotti, Maurizio Landini, Stefano Rodotà e Gustavo Zagrebelsky che verrà presentato domani a Roma nel corso dell'assemblea indetta dalle associazioni per la Costituzione.

“Le associazioni per la Costituzione indicano la ‘via maestra’, appunto, una bussola per orientarsi in un momento di caos politico e di disaffezione e allontanamento dei cittadini- ha detto l’europarlamentare -. E’ questa la strada da seguire, quella che ci indica la Costituzione, non una carta di diritti e doveri vecchia e desueta ma il punto di partenza che contiene in sé gli elementi essenziali su cui lavorare e insistere per far riemergere quella partecipazione democratica che si è persa in questi anni; dal diritto alla dignità delle persone al diritto la lavoro, dall’equità alla giustizia e democrazia in Europa, fino alla gestione dei beni comuni.
Non abbiamo bisogno di andare tanto lontano, per riprendere in mano quei valori e principi fondanti della politica come servizio alla cosa pubblica e riaffidare ad essa il ruolo che le è preposto – dice Rita Borsellino -. Basta - come giustamente detto - attuarli, senza bisogno di modificarli. Si è perso di vista l’obiettivo generale e collettivo  per inseguire l’obiettivo singolo e individuale, si è perso il senso costituzionale del bene comune che ha continuato – malgrado tutto - a vivere e proporsi all’ombra della politica ufficiale nelle strade e nelle piazze o in ristretti gruppi orientati ad un concetto di politica che è prima tutto’ servizio’ a favore della comunità civile. Sull’esigenza di un’altra politica, un’altra democrazia, un’altra Europa discuteremo a Palermo il prossimo 20 settembre nell’iniziativa “DAL VUOTO POLITICO, ALLO SPAZIO POLITICO” con Sergio Cofferati e Maurizio Landini.