Il Logo

Logo unaltrastoria

Il 2 ottobre 2007 a Palermo presso l’Antica Focacceria San Francesco viene presentato ufficialmente il simbolo del progetto politico Un’altra Storia. La scelta dell’Antica Focacceria come luogo per la conferenza stampa non è stata casuale, vuole essere invece un gesto di attenzione verso chi, da solo e con coraggio, ha deciso di ribellarsi al racket e alla logica mafiosa, impegnandosi in prima persona per il cambiamento della Sicilia.

Il logo, un albero stilizzato, è stato scelto mediante concordo di idee da una giuria composta da docenti universitari, esperti di comunicazione e grafica.

A presiedere la giuria è stato lo scrittore Vincenzo Consolo, mentre la commissione composta da: Laura Anello, giornalista e consulente per la comunicazione dell’Università di Palermo; Antonio Pioletti, ex prorettore dell’Università di Catania; Pino Ignone, graphic designer e noto pubblicitario palermitano; Gigliola Nocera, esperta e docente universitaria; Paola Nicita, critica d’arte e giornalista de La Repubblica; Maurilio Caracci, esperto e docente di marketing e comunicazione, già autore della campagna elettorale Ritapresidente; Jesse Marsh, esperto ed esponente dei comitati Per Ritapresidente.

Tra le 75 proposte arrivate da tutta Italia (ma anche da Parigi), è stata scelta quella ideata da Luciana Passaro, trentenne graphic designer di Acerra.

Compatta nella scelta la giuria esaminatrice presieduta dallo scrittore Vincenzo Consolo, una lettera esse in doppia gradazione di verde e, al centro un albero che germoglia. Una "esse" che simboleggia, la solidarietà, la sostenibilità, lo sviluppo, la sicurezza e, soprattutto, la Sicilia. «La giuria - ha detto Vincenzo Consolo - ha visionato numerose proposte e tenuto conto di ciò che il progetto vuole trasmettere: cambiamento e serenità.

Concorso Logo Un'Altra Storia